Chi Eravamo

Chi eravamo

Fin dalle Corporazioni medioevali la famiglia Fabbri realizza inferriate recinzioni ringhiere e cancelli in ferro battuto la cui attività di fabbro si sovrappone a quella del maniscalco nella forgiatura di ferri di cavallo. Con la crisi del 1929 affiancano al mestiere di fabbro maniscalco la produzione di carri agricoli e dopo la seconda guerra mondiale i F.lli Gino e Luigi Fabbri insieme al padre Anselmo abbandonano ogni attività storica per dedicarsi interamente, con buon successo iniziale, alla costruzione di trattori agricoli con una produzione e distribuzione nelle campagne della bassa bolognese di oltre 500 esemplari.

 

L’industrializzazione del trattore agricolo per opera di Ferruccio Lamborghini di Cento Ferrara costringe tutti i Costruttori artigianali di trattori agricoli ad abbandonare tale produzione per cui anche i fratelli Fabbri sono costretti a cercare altri sbocchi commerciali. Inizia un periodo di transizione dove vengono effettuate varie sperimentazioni, in un primo tempo si torna al carro agricolo poi quando le esigenze del mercato cambiano, iniziano la trasformazione di autovetture in autocarri. Solo con l’avvento dell’oleodinamica i fratelli Fabbri si dedicheranno esclusivamente alla produzione di ribaltabili e nell’anno 1956 viene messo in servizio il primo ribaltabile con funzionamento solo posteriore. Grazie all’ingegno, la dedizione al lavoro e alla antica esperienza tramandata di padre in figlio, la vecchia officina si trasforma in una nuova azienda che si sviluppa nel settore Allestimenti Veicoli Industriali.

Il 7 gennaio 1965 Gino Fabbri fonda la Carrozzeria Industriale F.G.M. DI FABBRI GINO e da allora la produzione non si è più fermata. Ha allestito autocarri con ribaltabile per tanti padroncini, per Aziende Edili, Imprese di Palificazione, per Enti Statali e per le Concessionarie di Veicoli industriali italiane ed estere. L’azienda ha progressivamente ampliato la sua area produttiva dai 2000 m2 iniziali di cui 700 m2 coperti del 1965, fino agli attuali 13.000 m2 di cui 2.500 m2 coperti, disponendo così di ampi spazi che le permettono di gestire in sicurezza diversi mezzi in lavorazione e meglio soddisfare le richieste della propria clientela.

F.G.M. di Fabbri Gino
Invia